Manifesto

Starò sul confine di me, dove sono e non sono, ma non importa

Mi pacificherò con parole mai pronunciate prima, unguento spalmato sulla carne infiammata

Danzerò sul piano inclinato della mia paura, scivolando a tempo verso il buio

Non aspetterò più di fronte alla porta che ho chiuso, sarò lo squarcio nel muro da cui passa il Sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...