Come mi consumo

Come pelle a punta di spillo grattata troppo, o un foglio di parole scritte e cancellate cento volte.

Come una coperta lisa da anni di lavaggi, o un divano sgualcito da corpi accoccolati, addormentati, avvinghiati.

Come idee ossessivamente declamate sempre uguali, o bandiere che sventolano simboli accasciatisi da tempo.

Come spade scheggiate che stanche si alzano al cielo, o sangue sgorgato copioso, ma ancora non basta.

Come strali lanciati a freccia alle spalle di chi accasciato su una terra straniera ancora non si orienta.

Così si consumano i pensieri miei fra ciò che vorrei saper dire e ciò che vorrei saper cambiare

Perché, dove vai?

Lo zaino aperto sul tavolo, come una bocca affamata.

La lista di cose da portare gira nelle mani ansiosa ed entusiasta

– mappa, da tenere sempre in tasca ed aprire mai. Perdersi è l’obiettivo

– borraccia da riempire con le storie che ti racconteranno. Ne berrai quando la tua vita sembrerà secca come uno straccio al sole

– cannocchiale, per guardare sempre più lontano dei tuoi piedi, che non sono il centro del mondo

– lente d’ingrandimento per guardare meglio i tuoi piedi, che sono il centro del mondo

– fazzoletti di stoffa, ci asciugherai i sudori tuoi e di chi camminerà con te per un tratto

– calze calde, che certe sere solitarie farà freddo dentro e fuori

– chitarra per scacciare quel buio che ogni tanto cerca di spegnere la tua luce

– una bussola che punta sempre al tuo nord: quello in cui sei da quando sei nato

– scatole di sorrisi a pila, da offrire senza ritegno a chiunque, ovunque

– un diario per scrivere la parola grazie a tutti coloro che hanno attraversato la tua vita prendendosi le tue gioie e pene come fossero le loro

Lo zaino è pieno ma leggero. Il viaggio sarà leggero ma pieno.

Cado verso il cielo

Cado dalla terra verso il cielo.

Precipito veloce per non essere seguito.

La mia ombra, sacco pieno di frammenti insanguinati, resta a terra. Troppo pesante per librarsi.

Le nuvole massaggiano le guance al mio passaggio, come una mano calda nelle serate bambine di febbre e latte caldo.

Il cielo si fa di un nero che non spaventa.

Le stelle strappano dalla mia mente ricordi e ansie, e divento filo di luce.

Perdo il centro e sono tutto e niente.

Sempre e mai.

Un sorriso a forma di sole mi inghiotte, e non cadrò mai più.

 

 

 

Buchi

Dove era la terra scavata ora una pozza d’acqua si accomoda cheta.

Una parola cancellata lascia un segno ancora più indelebile sul foglio.

Buchi si aprono nella pelle ferita, e richiusi lasciano cicatrici che parlano.

Nelle mani con cui copri il viso buchi lasciano passare fili di luce.

Pezze di parole e sorrisi su tessuti di anima lisi e sfilacciati.

Buchi in cui sei caduto e ci resti finché il vento sarà andato.

Buchi sulle tue guance sorridenti coprono gli spazi della mia memoria sfaldata.

Ora esco dal buco…

Plano Piano

Plano piano, sulle cose e le parole. Sul mondo brulicante di pensieri sotto di me.

Piano plano e sorvolo le ansie del giorno e le insonnie della notte. La paura di non farcela, ed il terrore di farcela.

Piano, come un aeroplano ,mille volte cambiando rotta, ma non è mai quella giusta.

Plano, e lascio che sia. Piano, a cavallo di un vento amico.

Piano, non mi avvito, e per quanto posso plano.

Quadri itineranti

Un uomo elegante con la giacca al braccio, cammina piano ma sa dove andare.

Una famiglia di giapponesi, un figlio grassoccio come il padre, l’altro con il viso sempre serio come la madre.

Una ragazza addenta una torta, la assapora con gli occhi tristi di chi aveva promesso di non farlo.

Un militare carico di zaini, pesta continuamente sul telefono. Forse per salutare ancora una volta, e poi ancora, e ancora.

Una donna in piedi ferma, alterna stancamente sbadigli e lunghe boccate di sigaretta.

Due uomini vestiti di cravatta e fili di auricolare come sciarpa, discutono di clienti presi, persi, da prendere.

Una ragazza appesa ad uno zaino più grande di lei, non sembra così pronta per il suo viaggio intorno al mondo.

Una signora affascinante ha coperto le occhiaie con il trucco. Muove piano i capelli per non spettinarsi e tiene il suo trolley per mano come fosse l’unico amico che ha al mondo.

Un anziano e la sua valigia anziana stanno in piedi un po’ storti in attesa di rivedere figli e nipoti sempre troppo lontani.

Tutti in una fila disordinata dietro la linea gialla. Arriva il treno, salgono, e sulla banchina in pochi minuti arriva il secondo blocco.

Come quadri di soggetti post-moderni e metropolitani, macchie di Vita buttate su una tela che disegno nella mia testa.

Spazio vuoto

Una domanda che non anela nessuna risposta.

Un eco rimbomba circolare mentre si allontana.

Sospeso fra una nota e l’altra nella melodia che ti racconta.

Falso ricordo di esistere da sempre.

La mano collassa sul tavolo in attesa di parole che non vogliono concedersi.

Ed un perdono non sarà ottenuto.

L’anima non si acquieta come una bruciatura sotto acqua fredda.

Arredare il vuoto per abitarlo, ecco cosa fare.

Precario

Il piede buttato in avanti, sulla strada che finisce nella curva davanti a te.

Il sogno che hai rimodellato mille volte, come una statua di creta di uno scultore senza idee.

Le mani che tieni nelle tue, salde e strette perché non si sfilino e tu senta freddo.

Le cose che credi di aver capito, e tieni dietro il vetro appannato della tua certezza.

Le cose che hai messo in scatole del “non si sa mai”, e non hai mai più aperto.

Precario sei, come il prestito di aria e tempo che verrà esigito prima o poi.

Pareti

Appassionato riempi zaini di sassi e pensieri, scorta di dolori per il viaggio che ti sei scelto.

Ti inerpichi su pareti di dubbi annodati come reti all’anima, sali perché non sai fare altro.

Una goccia di sudore solca la fronte accigliata dalla fatica, non si vede nessuna vetta.

Stringi le mani sull’appiglio come la speranza alla scelta, potresti lasciarti andare ma non sai come si fa.

Sulle gambe

Strati di perché si accatastano come legna per l’inverno.

Irrequiete sono le mani alla ricerca di un appoggio stabile.

Lacrime cadendo fanno un rumore sordo che non si sopporta.

Un sole spento nel palmo della mano chiede di essere rianimato.

Istanti passano come ladri in un appartamento e trafugano ogni cosa.

Sulle tue gambe, ecco dove ti appoggerai.