Ti contengo

Tu non ti pieghi
a filo d’erba,
pettinata dal vento.
Stai su,
a girasole,
ma nemmeno la sua luce ti
cattura.
Scorri,
questo si,
ma non sfoci.
Forse ritorni nella terra,
sparisci in una faglia.
Ti fai animale,
predi,
catturi,
dilani.
E poi riposi,
felino sazio e insanguinato.
Io,
solo,
ti contengo.
Ti ospito,
non senza protestare.
Io sono il demiurgo,
tu il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...