Fune spezzata

Corpi levigati dal sudore cercano incastri sublimi. Ancora e ancora.

Bocche mangiate mangiano, mordono, si respirano una nell’altra.

Mani attraversano capelli arruffati e fanno vibrare corde di pelle eccitata.

Gambe avvinghiate a fascio accolgono, trattengono, conducono al centro.

Una arrampicata,

una fune che si spezza,

un abisso in cui vuoi cadere